LUDOTECA WONDERLAND - Centro di Cultura Ludica - Gallarate
Custom Bg


Il progetto LUDOTECA WONDERLAND parte da un'idea di 5 amici: realizzare una concreta opportunità educativa e di gestione del tempo libero non solo in riferimento ai bambini per i quali costituisce un'occasione di crescita, ma anche in riferimento agli adulti, genitori ed operatori che, condividendo la responsabilità di tale crescita, sono chiamati a riflettere sul significato del proprio compito educativo.

La nostra modalità operativa trova attuazione attraverso la collaborazione attiva con educatori ed insegnanti qualificati interessati a portare le proprie esperienze personali, formative ed artistiche in una nuova realtà con lo scopo di offrire ai bambini uno spazio in cui valorizzare la creatività, l'immaginazione e il rapporto con gli altri, e ai genitori una realtà a cui fare riferimento per migliorare e consolidare la relazione con i propri figli e con le persone che li aiutano nel loro percorso di crescita. Pertanto la socializzazione, la collaborazione e la condivisione si sperimenteranno sia durante i laboratori, in cui grandi e piccini agiranno per un fine comune, sia durante il gioco libero in cui ognuno può dar sfogo alla propria immaginazione interagendo o meno con gli altri.

La ludoteca WONDERLAND è innanzitutto qualità e competenza, è uno spazio dove i bambini possono incontrarsi giocando, anche con la presenza degli adulti di riferimento (genitori, nonni, baby-sitter), è un luogo di svago, socializzazione ed educazione attraverso il gioco.

La ludoteca WONDERLAND è un servizio di interesse pubblico, contribuisce alla formazione dell'individuo e si inserisce nella rete dei servizi socio-culturali ed educativi del territorio di riferimento, non si configura come luogo di custodia ma è un programma di interventi ludico-ricreativi finalizzati alla crescita relazionale e allo sviluppo espressivo delle persone. All'interno della ludoteca verranno proposte diversi tipi di attività: giochi motori e di movimento, giochi di manipolazione e creazione, giochi di tipo cognitivo ed infine laboratori creativi ed artistici, sfruttando sempre la dimensione di gruppo e dello stare assieme, in cui l'apprendimento di abilità e di conoscenze da parte del bambino sono viste come risultato di un processo che si fonda sul fare, sull'esperienza diretta.

Nelle attività di laboratorio il bambino infatti è coinvolto direttamente nell'esecuzione, nella sperimentazione e nell'uso dei materiali, svolgendo pertanto un ruolo attivo. Il “fare” sarà un modo per rendere le capacità innate nei bambini ancora più precise e sorprendenti.

Perché un Centro di cultura ludica

La Carta Nazionale delle Ludoteche al primo paragrafo dell'art. 1 cita:

La ludoteca è un servizio di interesse pubblico che si configura come un luogo intenzionalmente dedicato al gioco e alla promozione della cultura ludica. Essa mette a disposizione dell'utenza spazi, materiali e competenze; offre l'opportunità di dedicarsi liberamente ad attività ludiche favorendo la conoscenza e la condivisione delle diverse forme di gioco.

Proprio in riferimento a questo principio abbiamo voluto creare un luogo di incontro ludico-educativo-formativo e culturale attraverso una struttura polifunzionale in grado di garantire una qualità organizzativa dei servizi e delle attività, tesa ad affermare il principio secondo il quale fare educazione significa creare luoghi che diffondano il valore dell'infanzia, dei diritti di cui tutti i bambini dovrebbero godere: ambienti sicuri, accoglienti, curati all'interno dei quali favorire il benessere, la socializzazione, l'apprendimento, ma anche la ricerca educativa, la conoscenza e la diffusione della stessa.

Vogliamo rappresentare un punto di riferimento per le famiglie e per operatori socio-educativi e culturali, fornendo loro una qualificata e costante attività formativa in un contesto dove realizzare l'istanza educativa, sociale e formativa della cultura ludica.


Richiedi Informazioni

Privacy - Autorizzazione al trattamento dei dati personali (art. 13 D.L. n° 196 del 30/06/2003)