Lo Yoga, in quanto unione, implica una perfetta armonia di corpo, mente e spirito.
A livello fisico, implica una salute splendente.
A livello mentale, implica l'armoniosa integrazione della personalità, e la corrispondente eliminazione dei 'complessi' psicologici.
A livello di anima, lo yoga porta all’unione del piccolo sé con il più grande Sé, all’unione dell’ego con la vastità della Coscienza Cosmica,
e dell’anima individuale con la sua Sorgente infinita: Dio.



Il nostro corpo
L'Hatha yoga è uno dei migliori sistemi conosciuti dall'uomo per alleviare i problemi fisici. Crea una sensazione di salute, benessere, armonia ed equilibrio, sia durante la pratica che dopo.
Le posizioni yoga (asana) riducono lo stress ed eliminano le tensioni fisiche e mentali; abbassano la pressione alta e migliorano la circolazione del sangue; stimolano il funzionamento degli organi interni, della digestione, dell'eliminazione e del metabolismo; rafforzano il sistema nervoso, quello immunitario e quello endocrino; migliorano il sonno; aumentano la vitalità e l'agilità.
L'Ananda Yoga utilizza movimenti dolci e naturali che richiedono al sistema corporeo una tensione minima, ricavandone il massimo beneficio. Le posizioni yoga, lontano dall'essere un sistema di vigorosi esercizi ritmici, aiutano ad armonizzare il corpo in accordo con le leggi naturali.
Lo yogi impara a sviluppare le proprie capacitÃà latenti, piuttosto che a dipendere da qualcosa di esterno per ottenere il benessere fisico.

La nostra mente
Con ogni posizione yoga esprimiamo e sperimentiamo attivamente una specifica qualità interiore. La posizione dell’albero (vrikasana), per esempio, ci conduce naturalmente verso una sensazione di centratura e calma.
Nell’Ananda Yoga potenziamo la qualità di ogni asana (posizioni yoga) attraverso l’uso di affermazioni specifiche. Invrikasana, per esempio, affermiamo silenziosamente: “Sono calmo, sono sereno!”. L’uso di affermazioni appropriate per ogni asana rende l’Ananda Yoga unico nel suo campo.

La nostra anima
Il frutto finale della pratica dello yoga dovrebbe essere una sensazione di ricettività, quiete, interiorizzazione. L’Ananda Yoga dirige l’energia (prana) verso l’interno e verso l’alto, conducendoci naturalmente a uno stato meditativo e alla comunione interiore.
Lo scopo più elevato dello yoga consiste semplicemente nel mettersi in una posizione che consenta di sentire pienamente lo Spirito riversarsi dentro di sé. Se la grazia di Dio non viene percepita nella vita di tutti i giorni, non è a causa dell’indifferenza divina, ma perché le energie e l’attenzione dell’uomo sono dirette altrove.
Le posizioni yoga dovrebbero quindi essere praticate con un senso di venerazione, se si vuole trarre da esse il massimo beneficio. Esse furono create non da allenatori di calcio o da insegnanti di educazione fisica, ma da grandissimi saggi che riconobbero in certe posture l’espressione esteriore di movimenti interiori dell’anima.

Sviluppare la nostra consapevolezza
Lo scopo primario dell’Ananda Yoga è lo sviluppo di una più alta consapevolezza.
Esso insegna il passaggio graduale dalla consapevolezza fisica alla consapevolezza dell’energia (prana) nel corpo, la consapevolezza dello stato mentale, dei pensieri e degli atteggiamenti, la consapevolezza della nostra natura interiore più profonda, l’anima.
Nell’Ananda Yoga, le posture sono lo strumento che conduce a graduale scoperta interiore; consideriamo gli asana come un’avventura verso la consapevolezza.





Richiedi Informazioni

Privacy - Autorizzazione al trattamento dei dati personali (art. 13 D.L. n° 196 del 30/06/2003)